JUAN DE ASTIGARRAGA

"Relitto degli aranci"

Andora (SV)

Durante la Grande Guerra, come tante altre navi da carico, anche il mercantile Juan de Astigarraga faceva la spola nel Mediterraneo, sfidando la sorte ad ogni viaggio a causa dei sommergibili in agguato, per trasportare derrate alimentari che difficilmente potevano muoversi via terra. Il 26\02\1943 un siluro l'affond˛ di prua davanti Capo Mele ed il suo carico di arance e maiali si rivers˛ in mare per la gioia dei rivieraschi da Andora a Diano marina; la vicenda rimane nella memoria storica del luogo, tanto che ancor oggi il bastimento Ŕ identificato come "relitto degli aranci". Per poter garantire la navigazione in quel tratto di mare e per recuperare metallo (necessario all'industria bellica dell'epoca), venne adoperata la dinamite ed ora non restano che abbozzi della struttura portante della chiglia, una cisterna a poppa ed ammassi di detriti sparsi vicino al tubo fognario che passa poco distante.

Talvolta sono presenti leggere correnti in superficie, ma l'assenza di reti e la scarsa profonditÓ rendono papabile la visita a tutti i livelli sub, considerando che in mezz'ora si resta entro i limiti della ricreativa e che non vi Ŕ moltissimo da vedere; Ŕ quindi facile prevedere il giro in senso antiorario percorrendo il perimetro e facendo attenzione, in caso di scarsa visibilitÓ, ad una interruzione della murata di babordo che potrebbe far perdere l'orientamento nel tragitto che porta alla grossa cisterna di poppa.

 

.

Juan de Astigarraga

Dati tecnici:
 
tipo                mercantile
profonditÓ      min -28mt
                     max -22mt
fondo             fango
difficoltÓ        minima
corrente        rara
ingresso        su ancora
gps               43░56ĺ44N 08░09ĺ58E

 

 

relitti

 

Precedente Successiva

Precedente Successiva

 

home su di me biomare storie sitiamici G.P.S. note legali

Sito by Click

ę Notte e Sale - All right reserved